Calciomercato

Juve-Bremer, è fatta. Trovato l'accordo col Torino

Nelle casse di Cairo 47 milioni, bonus compresi. Ora si tratta per l'ingaggio del giocatore. Dopo Dybala, nuova beffa per l'Inter. Galeone: "In difesa serve qualcun'altro. Ma è adatto anche a una linea a 4". Il modulo per Max? "4-2-3-1 o 4-3-3".

 

Servizio di Massimo Lanari, montaggio di Beppe Serra
Intervista a Giovanni Galeone, ex allenatore Pescara e Perugia

Juve-Bremer, è fatta. Urbano Cairo ha detto sì. Manca solo l'ufficialità, ma ormai sembra fatta: Gleison Bremer, l'anno prossimo, vestirà la maglia della Juventus. Al Toro 47 milioni di euro bonus compresi, al giocatore contratto quinquennale da quasi 5 milioni di euro a stagione. Ben al di sopra dei 30 milioni offerti dall'Inter più Casadei: vincoli di bilancio ancora una volta decisivi per Marotta, che dopo Dybala si vede sfuggire anche Bremer. Allegri accontentato. 

Ma cosa ne pensa il maestro di Max, Giovanni Galeone? “Bremer è un buonissimo giocatore ma a mio avviso, per sostituire De Ligt, non basta. Ha poca esperienza internazionale. La Juve deve comprare qualcun'altro. Con lui e Gatti la vedo dura, e Bonucci ha una certa età: questo problema qualcuno dovrà porselo, prima o poi". Al posto di De Ligtavrei visto meglio Pau Torres del Villareal o Koulibaly”. Sulla perplessità sollevata da molti, di un Bremer bravo con la difesa a 3 di Juric, e invece un'incognita con una linea arretrata a 4, il Profeta non vede problemi: “Ma no, Bremer sta benissimo anche in una difesa a 4. Anche perché Allegri gioca spesso con una linea a 4 per modo di dire, con Cuadrado largo a destra”. Con una linea difensiva a 4, piuttosto, “il problema è la fascia sinistra: sono anni che Alex Sandro non è più sui suoi livelli”.

Quanto al modulo con cui giocherà l'“allievo” Max Allegri, Galeone vede due strade: “O il 4-2-3-1 o il 4-3-3, con Locatelli regista. Secondo me con Pogba e Di Maria la Juve ha fatto grandissimi colpi. Serve però, là davanti, un vice-Vlahovic. E anche il centrocampo va rinforzato: Paredes, lì in mezzo, mi sembra un buon giocatore”.