La sentenza di primo grado: "il fatto non sussiste"

Accusate di maltrattamenti, assolte due maestre

Gli episodi a fine 2018 in una scuola materna di RIvoli: le indagini partite dalle denunce di due genitori, che avevano riferito di insulti, strattoni e schiaffi a danno dei piccoli. Le docenti, all'epoca del caso, coperte di insulti sui social.

Assolte perché il fatto non sussiste. Termina così, con un'assoluzione piena, la vicenda giudiziaria di due maestre di una scuola materna di Rivoli: erano accusate di maltrattamenti ai danni di cinque minori, bambini che all'epoca dei fatti avevano 4 e 5 anni. Le insegnanti sono state giudicate con rito abbreviato, gli episodi contestati erano tra la fine del 2018 e l'inizio del 2019. Le lunghe indagini di procura e carabinieri della stazioni di Rivoli erano partite a seguito della denuncia di alcuni genitori, che avevano riferito di insulti, strattoni e schiaffi a danno dei piccoli. Per accertare eventuali comportamenti illeciti, gli inquirenti avevano anche piazzato delle telecamere nascoste nella classe. Oltre 7 mila minuti di immagini dai quali non sarebbe mai emerso alcun comportamento delittuoso, di violenza fisica o verbale. Quando era esploso il caso, le due docenti, che non erano state sospese, erano state travolte da un'ondata di indignazione sui social, con insulti e minacce. Dopo un anno di aspettativa, una ha cambiato scuola e ha ricominciato a insegnare, l'altra non ce l'ha fatta e ha lasciato il Piemonte. 

Servizio di Marco Bobbio, montaggio di Enrico Caleffi.