A sostegno della normale attività

"Stazioni Sicure", la Polizia Ferroviaria sorveglia l'estate

Un progetto che si affianca alla normale attività di monitoraggio delle Forze dell'Ordine contro la microcriminalità.

Documenti controllati in pochi secondi con l'aiuto di un tablet dotato di un lettore ottico, Metal detector, unità cinofile. A tutela dei viaggiatori a bordo treno e nelle aree ferroviarie. Con l'operazione "Stazioni Sicure", Un servizio specifico a cadenza mensile che si affianca all'attività quotidiana di controllo con un rafforzamento della presenza delle forze dell'ordine e la verifica a campione su bagagli e generalità dei viaggiatori per prevenire fenomeni di microciminalità come ad esempio i borseggi, molto comuni in questi giorni di partenze estive, o rappresentare un deterrente per le comitive per lo più di giovanissimi che si ritrovano a bordo dei treni o nelle stazioni periferiche.

In occasione della campagna stazioni sicure svoltasi alla fine di maggio sono state controllate 1124 persone e 68 bagagli in 25 stazioni ferroviarie tra Piemonte e Valle d'Aosta, numeri che si sommano alle verifiche quotidiane. Per la sicurezza di tutti. 

Servizio di Maghdi Abo Abia, montaggio di Beppe Serra, intervista ad Angela Coppola, Vicequestore Aggiunto Polizia di Stato.