La protesta

I ragazzi del clima a Torino bloccano l'accesso alla A4

La polizia indaga e valuta reati, ma loro: "L'emergenza climatica è più importante di qualche disagio". Dopo il blocco stradale viene diffusa una sorta di rivendicazione

Hanno bloccato a sorpresa l'accesso torinese all'autostrada A4 e lo hanno fatto nel nome della salvaguardia dell'ambiente. Dopo lo striscione appeso al palazzo della Regione, costato una quindicina di denunce, i ragazzi del Climate Social Camp colpiscono ancora. Un blocco stradale non autorizzato, per il quale la polizia, in vista di possibili denunce, sta vagliando i numerosi video in circolazione che mostrano le varie fasi del blitz. Gli attivisti sono riuniti per cinque giorni al parco Colletta di Torino per discutere della crisi climatica e delle possibili soluzioni.

Dopo il blitz è stato diffuso un comunicato riferibile all'ambiente del Climate Social Camp con cui un gruppo di attivisti ha additato alcune delle più importanti aziende italiane, quali Snam e Intesa SanPaolo, come principali responsabili della crisi climatica. Durante il blocco era stato issato uno striscione sulla pubblicità della banca sul tetto dei due alti palazzi nei pressi della rotonda della Sfinge.

Servizio di Giulia Dellepiane, montaggio di Beppe Serra.