La grande sete delle risaie

La siccità alza la tensione nel mondo agricolo novarese

Si accendono gli animi dei risicoltori contro le decisioni della dirigenza del consorzio irriguo Est Sesia. Dopo i tagli alle forniture d'acqua che stanno mettendo a rischio molte colture, Confagricoltura e Cia hanno organizzato una manifestazione

La grande sete delle risaie genera conflitti, una guerra per l'acqua che sta mettendo uno contro l'altro i territori più esposti alla siccità. Momenti di tensione tra il mondo agricolo novarese e la dirigenza del consorzio irriguo Est Sesia, a Novarello prima dell'assemblea consortile, dopo i tagli alle forniture d'acqua che stanno mettendo a rischio molte colture, soprattutto il riso.

Confagricoltura e Cia hanno organizzato una manifestazione per chiedere conto della gestione di inizio settimana, quando sono state chiuse le bocche di irrigazione del novarese per dirottare l'acqua verso la Lomellina, appena oltre il confine lombardo. Gli agricoltori contestano soprattutto di non essere stati avvisati con adeguato anticipo. Ai manifestanti non è stato concesso di entrare nella zona dove era prevista l'assemblea.