Il turismo ritrovato

L'estate di chi resta in città

I musei aperti di Torino accolgono stranieri e piemontesi in cerca di un bagno di cultura.

Torino non era più abituata a tante persone con lo sguardo all'insù per le strade e nelle piazze. C'è chi immortala monumenti mai visti, chi scatta un selfie. Sono tornati i turisti, molti stranieri, a Caselle è record di voli, e con loro le code nei luoghi culturali. Incuriositi da una città che nei mesi scorsi, grazie alle Atp Finals, a Eurovision, ai grandi concerti è rimbalzata sui social e adesso è qui tutta da scoprire.

Solo stando ai numeri della prima domenica di agosto gratis al museo, iniziativa del ministero della Cultura che vale per ogni prima domenica del mese, si contano ben oltre quattromila visitatori ai Musei Reali. Fra loro anche tanti piemontesi perché un agosto a casa può voler dire un bagno di cultura e le occasioni certo non mancano per tutte le tasche.

Per la giornata di Ferragosto, la Fondazione Torino Musei, per esempio, propone l'apertura straordinaria di GAM e MAO, con l'ingresso speciale a un euro alle collezioni e, aggiungendo un altro euro, alle mostre di GAM, MAO e Palazzo Madama. Anche la mostra World Press Photo 2022, che raccoglie il meglio del fotogiornalismo internazionale, sarà accessibile a prezzo ridotto, dieci euro. Per chi volesse approfondire sarà disponibile un ricco programme di visite guidate.

Servizio di Marzia De Giuli, montaggio di Benedetto Mallevadore