Finalmente si vedrà

10 milioni di euro per il segnale Tv in montagna

Sostanzioso contributo del Governo per rendere finalmente visibile la Tv anche nelle zone montane più nascoste. Sono previsti anche incentivi per acquistare piattaforme satellitari, parabole e decoder. Potrebbe portare la fine del caos frequenze.

Dieci milioni di euro per il segnale tv nelle zone montane dove è debole o assente . Il sostanzioso contributo è contenuto nel decreto aiuti bis del governo sostenuto dal  ministro allo sviluppo Giorgetti. Contributi preziosi che verranno utilizzati  per risolvere un problema annoso,  diventato ancor più stringente dopo il cambio delle frequenze, lo switch off. Da allora la ricezione  è peggiorata. I comuni e le unioni montane gestiscono e fanno manutenzione di centinaia di impianti radio TV per le comunità non servite da RAI WAY. Dopo il cambio delle frequenze , con gli enti costretti a dismettere gli impianti, è stato il caos. Nel decreto sono previsti anche incentivi per i privati  per acquistare piattaforme satellitari, parabole e decoder.