L'allarme del Questore

Ragazzi con la pistola. Sognavano di diventare criminali da serie tv

Due ventenni arrestati ad Asti per precedenti penali e spaccio. Al momento dell'arresto, avevano un'arma carica. All'origine, una storia di disagio giovanile. Nell'appartamento del quartiere Praia sono state trovate munizioni, stupefacenti e denaro

Sognavano di diventare dei criminali da serie tv. Ma sono finiti in carcere per un giro di spaccio e per possesso abusivo di armi da fuoco.  Hanno appena 19 e 21 anni i due ragazzi arrestati ad Asti.  Uno, il più giovane, il 19enne Maximilian Vettoretti, era già ai domiciliari perché sospettato di aver accoltellato una persona qualche mese fa. Nonostante la misura cautelare, il ragazzo si era messo a spacciare droga. 

Venerdì mattina gli agenti della Mobile hanno fatto irruzione nel suo appartamento. Con lui hanno trovato  Samuele Cestari. In mano di quest'ultimo un revolver carico che il ragazzo, su ordine degli agenti, ha posato a terra, prima di essere ammanettato e accompagnato in Questura con l'amico. Anche il 21enne Cestari era già noto alle forze dell'ordine, nel luglio di un anno fa aveva sparato alle gambe di un cliente di un chiosco di panini. 

Nell'appartamento del quartiere Praia sono state trovate munizioni, stupefacenti e migliaia di euro.  Il questore di Asti non minimizza: "Inquieta che ci sia disponibilità di pistole nelle mani di ragazzi molto giovani", dice Sebastiano Salvo, aggiungendo che: "non si trattava di una 'ndrina ma poco ci voleva diventarlo".

servizio di Davide Lessi