Centrodestra protagonista

Tutti gli eletti nel proporzionale

I nomi dei prossimi rappresentanti delle istanze della Regione in Parlamento. Pochi i rappresentanti torinesi. Più quelli della provincia.

Non solo il roboante tredici a due per il centrodestra nelle sfide dirette dei collegi uninominali. Anche per i restanti 28 seggi piemontesi assegnati con il proporzionale, il centrosinistra e il pd riescono a reggere nel torinese, travolti invece nel resto del Piemonte. Una lista che si va componendo, con il complicato meccanismo di assegnazione dei seggi nei collegi plurinominali, ma prefigura nuovi assetti. Una compagine piemontese, tra Montecitorio e Palazzo Madama, con pochi rappresentanti torinesi.

Brinda Fratelli d'Italia anche nel proporzionale, con nomi noti da Daniela Santanché - eletta però in Lombardia - a Lucio Malan. Ma anche new entry da Giaveno come Concetta Zurzolo, o l'ex sindaco dell'alessandrino Enzo Amich. La Lega porta in Parlamento il segretario provinciale Alessandro Benvenuto e Laura Ravetto, cunesse eletta fuori dal Piemonte, l'astigiano Andrea Giaccone e il ministro Massimo Garavaglia, lombardo ma eletto in Piemonte orientale. Tra i promossi in Forza Italia Gilberto Pichetto e Roberto Rosso, resta fuori Claudia Porchietto, mentre è più folta dal Piemonte, che da altre regioni, la pattuglia di un Pd però confinato nella ridotta torinese.

Mauro Berruto, ex ct dell'Italvolley, l'inossidabile Mauro Laus, ma anche la senatrice Anna Rossomando e dall'alessandrino Federico Fornaro, dalla cuneese Chiara Gribaudo, con Fassino che eletto in Veneto andrà in Parlamento come il lettiano Enrico Borghi. Ma da Torino risuona anche l'exploit di Marco Grimaldi, che lascia il Consiglio Regionale per andare in Parlamento con Sinistra Italiana. E poi chi ha corso da solo. I Cinque Stelle trascinati dal buon risultato di Chiara Appendino portano a Roma anche la senatrice Elisa Pirro con il giallo di Antonino Iaria, l'ex assessore del Comune di Torino che per Youtrend risulta eletto, non per il Viminale. Infine nel Terzo Polo, oltre a Daniela Ruffino e al cuneese Enrico Costa, entra al fotofinish anche Silvia Fregolent per Italia Viva.

Servizio di Martino Villosio

montaggio di Tiziano Bosco.