Dopo l'1-1 di Firenze

Juventus, testa al Paris Saint Germain

Inizia la campagna europea dei bianconeri anche se per il tecnico non è una sfida decisiva: "Più importante il Benfica in casa".

Archiviato il pareggio in campionato contro la Fiorentina la Juventus si concentra sul debutto in Champions in programma martedì sera a Parigi contro il Psg. Il peso dell'attacco ricadrà sulle spalle di Dusan Vhlaovic, 4 gol in 4 presenze in questo inizio di campionato e per questo tenuto in panchina al Franchi, anche se nei piani di Allegri sarebbe dovuto entrare nella ripresa. Così Massimiliano Allegri: “Ho preferito farlo riposare per cercare di metterlo nel secondo tempo poi dopo ci sono stati dei cambi obbligati ed è rimasto in panchina, si è riposato”

La Juventus inizia contro l'avversario più ostico del girone in quella che sembra la sfida più tosta. Per Allegri tuttavia quella di martedì sera non è una partita decisiva ai fini del passaggio del turno: “Se vogliamo essere realisti la partita più importante in Champions è quella contro il Benfica in casa”.

Tra le note liete di Firenze la prestazione di Mattia Perin in porta e la tenuta difensiva. Da migliorare per il tecnico la capacità di colpire nei momenti decisivi, come nel caso del contropiede sprecato con il tiro rimpallato di Kostic al ventottesimo che avrebbe potuto mettere in cassaforte i tre punti. Conclude Allegri: “Quando io vi dico le palle pesanti per vincere i campionati sono quelle, in quel momento lì la squadra deve andare sul 2-0, allora lì vien fuori un'altra partita, ma questa cosa qui ancora non ce l'abbiamo”.

Ultimo allenamento domani alle 11.15 alla Continassa, nel primo pomeriggio la partenza per Parigi.

Servizio di Maghdi Abo Abia; montaggio di Andrea Volpe; intervista a Massimiliano Allegri, tecnico Juventus.