Il giorno dopo la tragedia

Indagini aperte sull'ennesima morte sul lavoro in Piemonte

Vittima un operaio di 57 anni morto in un'azienda di Candiolo schiacciato da una pressa.

L'incidente è avvenuto in pochi attimi, alle 17 di ieri pomeriggio alla Coggiola di Candiolo, azienda specializzata nella produzione di materie plastiche. Roberto Vittorio Torpiglio, cinquantasettenne di Vinovo, stava lavorando ad una pressa industriale che per motivi da accertare ad un certo punto ha smesso di funzionare.

Secondo le prime ricostruzioni l'uomo, nel tentativo di riavviare la macchina, è rimasto incastrato. Inutili i soccorsi, immediati, scattati dopo l'allarme lanciato dai colleghi.

Sul posto sono arrivati i Vigili del Fuoco che lo hanno liberato. I medici del 118, arrivati in elicottero, hanno provato a rianimarlo senza riuscirci. A condurre le indagini i Carabinieri della compagnia di Moncalieri, mentre toccherà agli ispettori dello Spresal dell'Asl chiarire la dinamica dell'accaduto e verificare il rispetto delle norme che regolano la sicurezza sul posto di lavoro.