Ambiente e sicurezza

Rischio alluvione, c'è una foresta nello Scrivia

In provincia di Alessandria, dove è ancora ben presente il ricordo dell'alluvione del 1994, eseguiti interventi per 15 milioni di euro su Tanaro e Bormida. Ma su fiumi e torrenti minori, la manutenzione spesso latita.

E' un urgenza sempre più evidente quella della pulizia dei fiumi. Siamo in provincia di Alessandria, terra fragile e sempre più colpita da fenomeni estremi, prima la grande siccità, poi la pioggia dirompente. Se lo ricordano bene gli abitanti di questo territorio colpito così violentemente nel 1994. Qui dove la Bormida incontra il Tanaro, sotto Monte Castello, lo sposalizio dei due fiumi è stato nefasto e l'esondazione ha colpito ben 8 paesi.

Una foresta sullo Scrivia

Per mitigare il rischio idrogeologico, l'Aipo, l'Agenzia interregionale per il fiume Po, ha realizzato nel comune di Alessandria interventi per 15 milioni. Quello che preoccupa è la situazione dei torrenti minori. Come lo Scrivia, sotto il cui ponte c'è una vera e propria foresta morta e pericolosa per il deflusso delle acque.

Servizio di Silvia Bacci

Montaggio di Marco Rondoni

Intervista a Marco Bologna e Lorenzo Torielli della Protezione civile di Alessandria