Stellantis, attesa per Tavares a Mirafiori

L'amministratore delegato visiterà lo stabilimento e incontrerà Cirio e Lo Russo. Intanto i sindacati avanzano richieste precise.

Un progetto per Mirafiori, che preveda nuove produzioni di autovetture, assunzioni di giovani e un polo del riciclo delle batterie delle auto elettriche.
E' quello che Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Fismic chiederanno tra poche ore all'amministratore delegato di Stellantis. O meglio: non a lui direttamente.
Carlos Tavares, infatti, è atteso a Mirafiori dove incontrerà i rappresentanti dei 20mila lavoratori dell'impianto, oltre al presidente di Regione e al sindaco di Torino.
I leader sindacali nazionali, invece, saranno ricevuti assieme ai territoriali, dal responsabile delle relazioni industriali.
Cirio e Lo Russo chiederanno in particolare una risposta sul polo del riciclo, perché condividono la proposta sindacale.
Tavares da parte sua dovrebbe presentare un progetto per ridisegnare Mirafiori, rendendola più piccola e moderna, e annunciare una nuova organizzazione del lavoro che dovrebbe essere più produttiva e meno burocratica. Molto probabilmente l'ad porrà a lavoratori e istituzioni locali condizioni precise per i nuovi investimenti.
Grande assente sarà il Governo nazionale, che non presenziò nemmeno all'ultimo incontro del genere, tenutosi a marzo. Allora il motivo fu la pandemia, oggi le elezioni imminenti. Il Governo Draghi non può prendere impegni al posto di chi lo sostituirà a breve.
Si vedrà se l'incontro sarà proficuo per lo stabilimento e il territorio.

Servizio di Giulia Dellepiane, montaggio di Paola Galassi.