Juventus

La Signora coccola i suoi giovani gioielli, Arrivabene: "La Juve del futuro è qui"

L'ad bianconero in conferenza stampa con il ds Cherubini e i tre calciatori sbocciati nell'Under 23: Miretti, Soulé e Fagioli.

 

servizio di Davide Lessi
montaggio di Claudio Biasiotto
Interviste a: Maurizio Arrivabene, ad della Juve; ai giocatori  Fabio Miretti, Matias Soulé, e Nicolò Fagioli; e al ds Federico Cherubini. 

 

L'amministratore delegato della Juve, Maurizio Arrivabene, risponde a chi ha criticato l'ultima sessione di mercato. Nessuno ha messo in discussione la grandezza di campioni come Pogba e Di Maria, semmai la loro età.  E l'ad si presenta con i tre giovani più talentuosi, tutti passati dalla seconda squadra - l'Under 23 - alla rosa allenata da Massimiliano Allegri.

Il saluzzese Fabio Miretti, dalla Juve da quando ha 8 anni ed esordiente da titolare in Champions contro il Paris Saint Germain. Nicolò Fagioli, fresco di promozione in A dopo il prestito con la Cremonese. E Matias Soulé che vuole convincere l'ambiente Juve come ha già fatto con la nazionale argentina. 

A tirare le fila del progetto Under 23 è il direttore sportivo Federico Cherubini: "Non più del 2-3% dei chi disputa la primavera arriva in Serie A. C'era qualcosa che mancava, la seconda squadra".

La prima di squadra intanto è già proiettata  sulla sfida di domenica contro la Salernitana. E soprattutto pensa già a mercoledì prossimo quando a Torino, per la seconda partita di Champions, arriva il Benfica