Champions league

Juve, giorno decisivo anche sul campo contro il Benfica

Allegri carica i suoi: "Non illudiamoci dopo le ultime vittorie, le difese immunitarie vanno alzate". Alex Sandro: "Li conosco, grande squadra". Le formazioni: probabile il 3-5-2 con il brasiliano nei 3 dietro. In attacco torna Milik

Benfica-Juventus, le formazioni. Quando al squadra sembra essersi ripresa, in questi casi “le difese immunitarie non vanno abbassate ma vanno alzate”. Parola del dottor Massimiliano Allegri, che quando aveva parlato in conferenza stampa, alla vigilia di Benfica-Juventus, lo aveva fatto prima dello scoppio del bubbone. Ossia la chiusura delle indagini sull'inchiesta Juve. Altro pepe su una giornata decisiva per i colori bianconeri. La Juve, a Lisbona contro il Benfica, deve vincere, magari con due gol di scarto. Per sperare in un aiutino del Maccabi Haifa, nell'ultima giornata, contro i Portoghesi. O, male che vada, guadagnarsi un posto in Europa League. Senza contare poi l'aspetto morale.

La probabile formazione di Max

Dovrebbe esserci proprio Alex Sandro nella nuova "allegrata": la conversione, ormai conclamata, alla difesa a 3, in un 3-5-2 che vede Kostic e Cuadrado sulle fasce, appoggiati dalle mezzali al loro posto, Rabiot e McKennie, con Locatelli in regia. Davanti, accanto a Vlahovic, dovrebbe tornare Milik, a secco da 23 giorni e ansioso di tornare al gol. Certo il Benfica di Neres e Rafa Silva non sarà un cliente facile. L'ex Porto Alex Sandro, li conosce bene. “E' una squadra che sta facendo molto bene, sono giocatori che conosco per averci giocato insieme sia in Nazionale che al Porto, come Otamendi. Sarà una partita difficilissima. Ma siamo preparati”.