Agricoltura e industria

Dal grano al futuro, in un docufilm la storia di Savigliano

"Dalla terra al pane", di e con Andrea Murchio, è un appassionante viaggio nel tempo in sella a una bicicletta. Con protagonisti d'eccezione

La bicicletta come macchina del tempo, il grano come filo rosso che lega due secoli di storia - zeppi di alti e bassi - che porta ai giorni nostri. 

La Savigliano che non c'è più in realtà è ancora ben visibile. Non solo nei ricordi tramandati e nei testi scritti, ma anche nei mestieri, nelle tradizioni e nelle architetture di un tempo che ne hanno fatto le fondamenta. Per poi lievitare e divenire l'oggi. 

Nel documentario "Dalla Terra al pane", il regista Andrea Murchio, in compagnia di Alice Girolami, ci porta in un lungo viaggio che intreccia campagna e città, agricoltura e industria. Scandito dagli incontri con i protagonisti di ieri - dall'eroe locale Santorre di Santarosa a Giovanni Virginio Schiapparelli che dal campanile descrisse la Via Lattea fino a Petrina Tesio a cui apparse la Vergine Maria dove poi si costruì il santuario dell'Apparizione. 

Un'opera voluta dalla Pro Loco di Savigliano in accordo con Coldiretti e Consorzio Agrario del Nordovest. Perché la coltivazione del grano che ha fatto grande Savigliano ne è ancora un punto fermo. Solo, grazie alla tecnologia, oggi più ecosostenibile che mai.