L'Ente gestore aumenta la sorveglianza in tutte le residenze

Stupro al campus, l'aggressore ripreso in un video

Proseguono le indagini per dare un nome e un volto all'uomo che sabato notte ha aggredito e violentato una ragazza all'interno della residenza universitaria di via Borsellino a Torino

Avrebbe scavalcato la recinzione l'uomo che ha stuprato la studentessa 23enne di Messina. Le telecamere della residenza universitaria torinese Paolo Borsellino lo hanno inquadrato incappucciato sia mentre entra che mentre esce. L'aggressore è stato descritto dalla vittima come un 25enne probabilmente nordafricano. Si è aggirato per un'ora indisturbato nel campus gestito dall'Edisu, l'Ente per il diritto allo studio universitario, e ha bussato a varie porte. La ragazza, ignara, ha aperto pensando fosse un altro studente e lui l'ha colpita in testa, ha tentato di strangolarla e l'ha violentata in camera sua.

Servizio di Giulia Dellepiane, montaggio di Paolo Monchieri.

Intervista ad Alessandro Ciro Sciretti, presidente di Edisu Piemonte.