Al via la 92esima edizione. Pochi tartufi a causa della siccità

La Fiera del tartufo di Alba, tra i preziosi tuberi

Pochi ma buoni. La stagione siccitosa riduce la quantità ma esalta la qualità. Tuberi ancor più preziosi. Dopo l'inaugurazione con il presidente Mattarella, la mostra accoglie i visitatori da tutto il mondo fino al 4 dicembre.

Entra nel vivo la Fiera internazionale del tartufo bianco di Alba. “Time is up”, il tempo è scaduto, è il titolo della rassegna, in riferimento al clima e alla necessità di tutelare l'ambiente perché, è stato sottolineato dagli organizzatori, non c'è più tempo da perdere. 

La stagione è iniziata in ritardo, ad ottobre. I prossimi tartufi matureranno tra novembre e dicembre. La qualità è ottima e la fiera ha attirato visitatori da tutto il mondo alle prese con le contrattazioni. Al momento le quotazioni si attestano sui 500 euro l'etto.  

interviste a Giancarlo Caratti (tartufaio), Stelvio Casetta (presidente onorario Associazione tartufai d'Alba) e Isabella Gianicolo (responsabile Centro nazionale studi tartufo)