Energia

Un “tetto dinamico” per i prezzi del gas in Europa

A Bruxelles la presentazione del documento con cui la Commissione europea intende calmierare i costi del metano. Tra le misure italiane: ridurre i consumi e aprire al Gas naturale liquefatto.

Servizio di Giorgio Giglioli

Montaggio di Paola Galassi

Intervista con Andrea Maria Felici - dirigente del ministero dello sviluppo economico

Non un vero e proprio tetto al prezzo del gas ma un cosidetto "price cap dinamico", in grado di anestetizzare i picchi giornalieri delle sue quotazioni. Una misura anti volatilità che ne accompagna un'altra: l'istituzione di un nuovo listino dedicato, che sostituisca il Ttf della borsa di Amsterdam, troppo esposto a manovre speculative. E ancora: una piattaforma di acquisto comune che riguardi una quota minima del 15 per cento degli stoccaggi europei di gas. 

Sono alcune tra le proposte contenute nel documento della commissione europea presentato a Bruxelles, che discusso tra giovedì e venerdì dai 27 leader dell'Unione.

Un pacchetto che va a rafforzare i punti già fissati dal regolamento del 6 ottobre, che era centrato sul tema della riduzione dei consumi elettrici. Una direzione verso la quale sta lavorando anche l'Italia, come spiega nella’intervista il dirigente del ministero dello sviluppo economico, Andrea Maria Felici.

Intanto, per effetto già solo dell'annuncio del nuovo pacchetto di misure dell'Europa, la quotazione del gas è precipitata sotto livelli che non si registravano da mesi.