Caro mensa, il corteo degli universitari

Gli studenti hanno raggiunto l'Università di via Sant'Ottavio, dopo avere protestato sotto la sede della Regione Piemonte. Da ieri occupata la mensa Edisu di via Principe Amedeo

Corteo di protesta degli studenti universitari contro il caro mensa. 

Da ieri è occupata la mensa Edisu di via Principe Amedeo, centro di Torino. Oggi il corteo organizzato dal Collettivo Universitario Autonomo, Noi Restiamo, Studenti Universitari, Fronte della Gioventù Comunista.

Gli studenti dicono che il caro mensa è insostenibile, è passato un euro a 2,30 euro, e nella fascia più alta supera i 7 euro. Aumenti fino al 40 per cento.

Oggi gli aumenti dovrebbero essere ratificati in Consiglio regionale.

L'Assessore Chiorino aveva risposto agli studenti distudiare e di non protestare”. I ragazzi hanno cercato di raggiungere gli uffici dell'Assessorato ma non ci sono riusciti.

Il cordone delle forze dell'ordine è importante, con un notevole dispiegamento di mezzi e di uomini.

Parole dure, negli slogan urlati dai ragazzi, anche nei confronti del Rettore dell'Università.

Secondo i collettivi studenteschi, altre manifestazioni di protesta seguiranno a quella di Torino, in altre città italiane.

Il video è realizzato dalla giornalista Federica Burbatti che sta seguendo la manifestazione.