Lo studio dell'Istituto per la salute globale di Barcellona

La risposta mondiale al Covid? Differenze sociali e fake news le migliori alleate del coronavirus

Il più grande studio interdisciplinare sulla pandemia: "mancanza di prevenzione, iniquità sanitaria e comunicazioni frammentate e discordanti i macro-errori da non ripetere". Tgr Leonardo.

Mancanza di prevenzione, iniquità della risposta sanitaria, risposte frammentate dei governi, comunicazioni confuse, divergenti, e fake news. Sono i macro-errori che tanti paesi hanno commesso nella risposta alla pandemia Covid. Errori individuati dallo studio più ampio mai realizzato negli ultimi 3 anni, firmato dall'Istituto per la salute globale di Barcellona. Indagine che ha coinvolto non solo medici, ma 386 esperti di 112 paesi, tra enti pubblici, ong, mass media, dirigenti di sanità pubblica e governi, ossia tutti coloro che sono stati chiamati a dare una risposta al virus. Risposta che è stata efficace solo in pochi Paesi - Corea del Sud, Giappone, Australia, Cina - che, con approcci diversi, hanno sempre applicato una prevenzione rigorosa alla diffusione del virus, sia prima che dopo l'arrivo dei vaccini. Vaccini che sono stati distribuiti poi in modo iniquo, e quasi solo al mondo occidentale, una delle risposte miopi individuate dallo studio. E invece la risposta è stata frammentaria anche all'interno dei singoli paesi. Ai vaccini non sono sate affiancate politiche di sostegno finanziario, lasciando che la fetta di popolazione più disagiata subisse le conseguenze più gravi del contagio, con la povertà a fare da moltiplicatore al virus. A ciò si è aggiunta una comunicazione medica senza regia unica, con le tv piene di esperti dai pareri divergenti, un sistema schizofrenico. Messaggi che hanno provocato in molti un'esitazione vaccinale, per diffidenza, opposizione o disinteresse, che scontiamo ancora oggi, con un bassissmo tasso di richiami vaccinali, pur disponibili. Errori da non ripetere, perchè la pandemia non è finita. L'intervista a Roberto De Vogli, docente di Salute Globale all'Universita di Padova. 

Servizio di alessia Mari

Montaggio di Tiziano Bosco