Gol vittoria di Kean nella ripresa

La Juventus ora sa anche soffrire

I bianconeri alla quinta vittoria consecutiva arrivano a meno due dal secondo posto, occupato dalla Lazio attesa domenica sera allo Stadium

"E' stata una partita brutta, tecnicamente sporca e lo sapevamo, i ragazzi sono stati bravi ad interpretarla nel migliore dei modi sapendo che il Verona non merita la classifica che ha".  Massimiliano Allegri plaude ad una Juventus che in casa dell'hellas verona ha dimostrato di saper anche soffrire. Il pressing degli scaligeri, ultimi in classifica, nel primo tempo ha condizionato la manovra bianconera, fatta di passaggi orizzontali e di incapacità nell'aggredire le praterie concesse dai gialloblu. Nella ripresa si è vista un'altra Juve, capace di inserirsi in verticale proprio negli spazi lasciati vuoti dai veneti, come dimostrato dal gol di Kean, bravo a tagliare al centro su assist di Rabiot. Dopo il gol la Juventus sceglie di attendere gli avversari, non senza timori. Il mani di Danilo in area ritenuto regolare ed il rigore su Verdi ribaltato dal Var scatenano il pubblico. Nel recupero Alex Sandro si sacrifica per la squadra: spallata su Lasagna lanciato a rete e cartellino rosso: Un gesto salutato con favore dal tecnico: “l'espulsione di alex sandro è come se avesse fatto un gol”.

Con 15 punti in 5 partite la Juventus ha recuperato quanto perso a inizio stagione: quarto posto a 10 punti dal Napoli capolista e due lunghezze dal secondo posto, occupato dalla Lazio attesa domenica sera alle 20.45 allo Stadium nell'ultima sfida della pausa mondiale. Una partita da non sbagliare, per non vanificare la rincorsa. Conclude Allegri: “Bisogna mettere da parte la partita, recuperare più energie possibili perché domenica sera sarà una partita difficilissima contro una squadra forte e ci sarà bisogno di tutti”. 

Servizio di Maghdi Abo Abia, montaggio di Tiziana Samorì, intervista a Massimiliano Allegri, allenatore Juventus.