Le difficoltà di servizi e comunità

Raddoppiati in un anno i minori stranieri non accompagnati a Torino

I drammi di Sheik, morto sui binari del Lingotto, e Hamza, travolto da un treno nel novarese, spie di un dramma diffuso

Sheik, morto solo sui binari del Lingotto; Hamza, travolto da un treno mentre scappava nel novarese dopo un tentativo di furto. Erano invisibili, minori stranieri non accompagnati, sfuggiti ad una comunità che non è riuscita ad includerli. Il rischio di essere esposti a situazioni di marginalità e delinquenza è alto. Mancano le comunità, le gare d'appalto vanno deserte, i servizi a lunga distanza scarseggiano. 

Un fenomeno in crescita esponenziale. Nella sola città di Torino dall'inizio del 2022 sono stati accolti 700 minori stranieri non accompagnati, ad oggi già più del doppio rispetto al 2021.

Servizio di Silvia Bacci, montaggio di Claudio Biasotto. Interviste a: Samia Ben Amor, referente comunità Xenia, Andrea Venturini, responsabile Xenia, Jacopo Rosatelli, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Torino, e Sara Guidi, Save the Children.