Lo studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature

La forbice molecolare ci proteggerà dai virus

Scienziati americani e tedeschi scoprono una funzione immunitaria della Crispr: il cosidetto "taglia e cuci" genetico può distruggere il Dna dei virus che entrano nelle cellule. Tra le prime applicazioni: test diagnostici ad altissima precisione

Era nell'elenco delle innovazioni mediche da tenere d'occhio nel 2023 secondo Nature. Ed ecco cche tra i primi studi pubblicati nel nuovo anno dalla rivista scientifica, ce n'è uno che riguarda proprio lei, la Crispr, la tecnologia della "forbice molecolare", il taglia e cuci genetico. L'applicazione più nota finora è legata all'utilizzo della proteina Cas9, capace di disattivare i geni difettosi affinchè non siano replicati, di correggere cioè gli errori genetici nelle cellule. Il nuovo studio riguarda la proteina Cas2A2, capace di tagliare, fino a distruggere, il Dna e l'Rna di qualsiasi virus estraneo entri in una cellula. Una nuova funzione immunitaria della tecnologia Crispr, dunque. La ricerca è delle università americane di Texas e Utah, in collaborazione con due istituti tedeschi. Gli scienziati biochimici, in 6 anni di lavoro, e grazie ad avanzate tecniche di imaging ad alta definizione, sono stati in grado di osservare il comportamento della proteina Cas2A2 "in tempo reale". Entrando in contatto col materiale genetico del virus, la proteina si apre come un coltello e inizia a distruggerne la sequenza genetica, piegando letteralmente il doppio filamento del Dna del virus di 90 gradi, modificandolo nella struttura, e spegnendo di fatto il contagio. "Infezione abortiva", la chiamano i ricercatori, strategia difensiva che impedisce la replicazione del virus entrante. Una funzione immunitaria che non ha le implicazioni deontologiche del taglia e cuci genetico, ed apre la strada alla protezione da innumerevoli malattie infettive. La prima applicazione pratica allo studio: la produzione di test diagnostici ad altissima precisione, come i molecolari, ma a basso costo, strutturati su misura per rilevare covid, influenza, ebola e zika.

Montaggio Benedetto Mallevadore