Emergenza idrica

Tra il Po e il canale Cavour, dove la siccità è un'emergenza che non passa

La portata del grande fiume, nei pressi di Chivasso, di solito in questo periodo è sugli 80-90 metri cubi al secondo. Quest'anno siamo a 27. Le piogge autunnali non hanno risolto. E ora si teme per la primavera

Chivasso. Sul Po, alla derivazione del canale Cavour, la portata solitamente, in questo periodo dell'anno, è di 80-90 metri cubi al secondo. Ora, siamo a meno della metà: 27 mc/s. Appena sopra la soglia stabilita dalla legge per evitare lo stato di emergenza ambientale. Le poche piogge dell'autunno e dell'inverno non sono bastate: la siccità continua. Dal canale Cavour arrivano le acque che irrigano le risaie del Novarese e del Vercellese, che nel 2022 hanno perso un decimo del loro raccolto per la siccità.

Maledetta primavera

Da due anni le piogge sono sotto la media. Al momento, possiamo tranquillamente dire che la siccità sta proseguendo anche in questo inizio di 2023”, ha detto Mario Fossati, direttore dell'Anbi Piemonte. Le falde, insomma, continuano a essere ai minimi storici. E già si guarda alla prossima primavera: senza un ritorno delle precipitazioni, con la ripresa dei consumi da parte dell'agricoltura, la situazione potrebbe drasticamente peggiorare.