L'iniziativa anche in altre città d'Italia

La qualità della vita vien pedalando

Un flash mob in corso Vittorio Emanuele a Torino con una lunga fila di ciclisti per chiedere più mobilità sostenibile

Nel mezzo di un pacifico flash mob dal nome "ciclabile umana" nel cuore di Torino, irrompe il tipico battibecco del caso a spiegare il motivo dell'iniziativa. Torino, dicono le associazioni promotrici, vanta molte bellezze ma anche primati negativi. Un'aria inquinata e un numero di auto per mille abitanti tra i più alti in Italia.

Il Consiglio Comunale ha approvato una mozione per ridurre a 30 chilometri orari la velocità sulle strade senza diritto di precedenza ma c'è ancora tanto da pedalare. Non solo sicurezza ma anche qualità della vita. Una filosofia che chiede anche di uscire dai luoghi comuni sulla bici e sulla mobilità per rimettere al centro il vero obiettivo: l'essere umano

Nel servizio intervistata Elisa Gallo, portavoce Ciclabile Umana Torinese