Mobilità sostenibile

Presentato il taxi elettrico di Etioca: "90mila preordini, centro di produzione in Italia"

Il prototipo realizzato a Orbassano dalla startup fondata da un imprenditore israeliano di base a Gibilterra

È partito da Torino il tour di presentazioni su strada del taxi "Miner", primo modello di un mezzo elettrico ultratecnologico per uso pubblico che non potrà essere acquistato ma noleggiato a circa un euro al chilometro. 

A produrlo Etioca, società fondata dall'israeliano Mark Ishakov e di base a Gibilterra, con un investimento iniziale di 400 milioni di dollari. Lo stesso Governo del Territorio britannico sostiene la compagnia, che punta alla quotazione in borsa al Nasdaq di New York in tarda primavera. 

Il prototipo è stato realizzato in Piemonte, nella storica carrozzeria Coggiola a Orbassano, di recente acquisita da Etioca. La produzione vera e propria dovrebbe partire nel 2024, annunciati novantamila preordini in discussione con enti pubblici in Israele, Spagna e Lettonia e con privati in Italia. Il veicolo da 7 posti è pensato non solo come taxi, m anche come ambulanza, per i servizi di difesa e per il delivery, la consegna a domicilio. 

E sono in corso le trattative per individuare il luogo di produzione in Italia. “Abbiamo una serie di alternative in Piemonte e in Emilia-Romagna, stiamo scegliendo il sito più adatto ad accogliere una produzione che nel 2024 partirà con 10 mila veicoli per arrivare a centomila l'anno”, ha spiegato il co-amministratore delegato Roberto Fiorello.

servizio di Ludovico Fontana, immagini di Luciano Gallian, montaggio di Paola Galassi
intervista a Roberto Fiorello, co-amministratore delegato Etioca