#OccasionePiemonte

I fondi del Pnrr contro la dispersione scolastica

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale, Stefano Suraniti, spiega come il Piemonte ha intenzione di muoversi

Diceva Don Milani che: “Se si perdono i ragazzi più difficili, la scuola non è più scuola. E' un ospedale che cura i sani e respinge i malati”.

Ed è quello che si è capito bene nei due anni segnati dalla didattica a distanza imposta dalla pandemia. Che se per molti ha segnato la deriva dell'insegnamento, inteso come scambio e confronto continuo tra professori e allievi, è stato anche un momento di profonda riflessione e ripensamento.

Per Stefano Suraniti,  direttore dell'Ufficio scolastico regionale, anche i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza devono andare in questa direzione. Contrastare la dispersione scolastica, fare della scuola un centro attrattivo per tutto il territorio. Ma anche concretezza. La gran parte dei finanziamenti europei è destinata all'edilizia scolastica.

Intervista a Stefano Suraniti, direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Piemonte