A Fiano piantata una foresta di tremila alberi per salvare gli insetti impollinatori

Il progetto realizzato grazie a volontari ed è legato all'Autostrada delle api. Ricreata un'oasi di biodiversità, anche a scopo educativo

Si chiama "agroforesta degli impollinatori": è stata realizzata nel fine settimana grazie al lavoro dei volontari che hanno piantato tremila alberi e arbusti a Fiano, nel torinese, in un campo di circa diecimila metri quadrati messi a disposizione da un privato, la signora Laura Bogaudo. Si tratta di un terreno in precedenza utilizzato per produrre fieno, non trattato con pesticidi ed erbicidi, e l'obiettivo del progetto è di ripristinarne la fertilità, ricostruendo la microbiologia del territorio. Ma anche ricoprire il terreno con fiori e piante, per attirare e far vivere api e altri insetti impollinatori, predatori di altri insetti dannosi, una piccola oasi per ristabilire la biodiversità.

Il progetto è stato portato avanti da tre diverse realtà, Soulfood Forestfarms Hub Italia di Milano, Rigenera Aps di Torino e Autostrada delle Api, che nasce a Fiano e coinvolge i comuni limitrofi. In più, l'iniziativa è rivolta anche ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie, che possono sperimentare il contatto con la terra e con gli insetti e capire l'importanza del rispetto della natura.