Carcere di Ivrea, alta tensione

"La situazione è allo stremo, noi siamo sotto organico e qui arrivano da altre carceri i detenuti più turbolenti", denuncia il sindacato di polizia penitenziaria Sappe. "Situazione fuori controllo" il commento dell'Osapp

L ‘ultimo episodio al carcere di Ivrea è scaturito da un litigio tra due fratelli all’interno della prima sezione La goccia che ha fatto traboccare il vaso la sera del 30 marzo . I due detenuti hanno appiccato il fuoco a un materasso . I detenuti dei tre piani   sono stati fatti uscire dalle celle e condotti in cortile. Attimi di panico mentre l'incendio rischiava di propagarsi. La situazione è rientrata solo a notte inoltrata   "Una situazione fuori controllo” la denuncia del sindacato di polizia penitenziaria è durissima. Si parla di carenza di personale e di sovraffollamento. Ad Ivrea vivono 280 detenuti ma la capienza è per 190

Gli agenti di polizia penitenziaria hanno chiesto al sottosegretario Ostellari di fare visita al carcere di Ivrea per toccare con mano la situazione,  e denunciano anche la mancanza  in carcere di un loro comandante

Un casa circondariale, quella di Ivrea, sulla quale pesa la vicenda delle presunte violenze ai detenuti. Il 27 maggio ci sarà la prima udienza del dibattimento.  venti agenti di polizia penitenziaria  dovranno rispondere delle accuse . Per la prima volta tutti e tre i garanti dei detenuti: nazionale, regionale e comunale si sono costituiti parte civile

servizio di Federica Burbatti

immagini di Guido Cravero

montaggio di Elisa Pozzati

 

interviste a 
 

Raffaele Orso Giacone, Garante detenuti Carcere Ivrea

Daniela Maggiore, Sappe Polizia penitenziaria