Puglia
12 Dicembre 2019 Aggiornato alle 18:55
Economia & Lavoro

Consorzi di bonifica. A rischio lavoratori e campagne

Si moltiplicano i problemi per gli enti commissariati e in più la mancanza dell'assessore al ramo dopo le dimissioni di Di Gioia. Intanto a Minervino 800 ettari di terreno ancora senza acqua, dopo lo scoppio delle condotte e gli allagamenti.
Credits © tgr Acqua nelle campagne
Acqua nelle campagne
Consorzi di Bonifica, fortemente preoccupati i sindacati: “a rischio retribuzioni e futuro lavorativo per 400 dipendenti” “Le dimissioni dell’ex assessore Di Gioia sono giunte in momento particolarmente delicato per il mondo agricolo pugliese e, come tale, colpisce anche i Consorzi di Bonifica commissariati di Puglia”. È quanto affermano Paolo Frascella, Antonio Gagliardi e Dino Salvato, rispettivamente segretari regionali di Fai Cisl, Flai Cgil e Filbi Uil. “Siamo fortemente preoccupati –aggiungono Frascella, Gagliardie e Salvato-,  per la vita stessa dei Consorzi di Bonifica Bari, Taranto e Lecce-Brindisi”, “soprattutto perché sono indispensabili ulteriori risorse economiche da reperire in fase di assestamento di bilancio regionale per garantire il prosieguo delle attività consortili fino alla fine dell’anno”. L’assessore Di Gioia, nella riunione del 26 giugno scorso tenutasi presso la sede dell’assessorato con le organizzazioni sindacali ed alla presenza del Commissario straordinario Alfredo Borzillo, aveva preso atto della necessità di reperire risorse aggiuntive pur apprezzando il lavoro che l’attività commissariale sta sviluppando per garantire la falcidia della debitoria, ridottasi per circa il 30% . “Il prossimo mese di agosto, in assenza di interventi da parte del Governo regionale, avremo certamente il problema delle retribuzioni per circa 200 dipendenti stagionali e 200 a tempo indeterminato e del sostegno per le attività istituzionali dei Consorzi con inevitabili ripercussioni sui territori, specie in questo periodo nel quale si svolgono importanti lavori stagionali”, continuano i sindacalisti di Fai, Flai e Filbi. “Auspichiamo che quanto prima la Regione Puglia possa salutare il nuovo assessore alle politiche agricole affinché si scongiurino ripercussioni nefaste in un settore, quello agricolo, già martoriato da diverse difficoltà di natura climatico-ambientali, quali calamità e Xylella, o di natura economico-programmatoria, come PSR, progettazione, ecc.”.          Intanto a distanza di 20 giorni dallo scoppio delle tubature del Consorzio di Bonifica commissariato Terre d’Apulia in Contrada Bocca di Lupo a Minervino,  le campagne sono ancora senz’acqua. Lo  denuncia la  Coldiretti Puglia che sollecita la fine urgente dei lavori e la piena ripresa dell’attività di irrigazione. “I  3 giorni annunciati per aggiustare il guasto e riprendere la normale attività di irrigazione sono passati da tempo. Il problema interessa 800 ettari di terreno dell’area, di cui 400 coltivati ad oliveto, frutteto e vigneto. 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Economia & Lavoro