Puglia
23 Agosto 2019 Aggiornato alle 19:39
Cronaca

CGIL, CISL e UIL revocano lo sciopero dei lavoratori impianti marittimi

La decisione dopo un incontro con l'azienda, con cui sono state definite procedure sull'impiego del personale
Credits © Tgr L'area degli impianti marittimi di Arcelor Mittal
L'area degli impianti marittimi di Arcelor Mittal
Le Rappresentanze sindacali unitarie Fim, Fiom e Uilm di Taranto, dopo un incontro che si è tenuto oggi con l'azienda, hanno deciso di revocare lo sciopero di tre giorni (21, 22 e 23 agosto) dei lavoratori del reparto Ima1 (Impianti marittimi) di ArcelorMittal. L'astensione dal lavoro era stata proclamata per protestare contro la ricollocazione dei gruisti che risultano in esubero dopo il sequestro dell'area disposto dalla Procura dopo l'incidente del 10 luglio in cui è morto il gruista Mimmo Massaro. Nel corso della riunione, l'azienda ha illustrato "le attuali necessità - è detto in una nota dei sindacati - di personale funzionale alla marcia degli Scaricatori presso il secondo sporgente. Il personale eccedente l'attuale forza lavoro di riferimento sarà individuato sulla scorta delle esigenze tecnico-organizzative dell'azienda declinata anche sulla base del complessivo bagaglio professionale del dipendente". Il personale "così individuato - spiegano le Rsu - sarà avviato, a far data dal 26 agosto, ad un percorso di training finalizzato all'inserimento lavorativo presso aree per le quali sussistono necessità aziendali (ad esempio batteria n.9 e parchi minerali)". L'azienda ha inoltre comunicato alle Rsu che "a partire dal mese di settembre saranno avviati ulteriori dipendenti (una posizione di lavoro a turno) ad un percorso di training presso gli scaricatori attualmente in uso presso l'area Ima1. Qualora dovesse modificarsi l'attuale assetto organizzativo dell'area summenzionata con eventuale impatto occupazionale, il personale ad oggi impiegato presso l'area Ima1 - concludono i sindacati - avrà un diritto dì precedenza nel reinserimento lavorativo". 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca