Puglia
14 Luglio 2020 Aggiornato alle 18:36
Cronaca

Coronavirus, primo contagiato in Puglia

Ricoverato al Moscati di Taranto. Fino a domenica chiuse le scuole in tutta la provincia per la sanificazione. Negativo caso sospetto di San Severo.
Il servizio di Mimmo Spina
E' un uomo di  Torricella, nel tarantino, il primo contagiato da coronavirus in Puglia. Positivo il tampone, oggi si attende  l'ulteriore responso dall'Istituto superiore di sanità. L'Asl Taranto ha spiegato che, una volta raccolta la segnalazione dell'uomo, è scattato il soccorso. Il triage, dice Asl Taranto, "è stato svolto dal 118, che ha immediatamente ricoverato il caso sospetto presso il reparto di Malattie Infettive dell'ospedale San Giuseppe Moscati di Taranto. Il trasporto è avvenuto in sicurezza con l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale già nelle disponibilità del 118 e delle quattro associazioni convenzionate ad hoc per l'eventuale trasporto di casi sospetti di Covid-19". "Giunto al reparto di Malattie Infettive, reparto preparato da diversi giorni in ottemperanza alle normative vigenti e alle disposizioni regionali e ministeriali, il paziente - precisa Asl Taranto - ha seguito il percorso previsto dal protocollo per la stanza a pressione negativa dov'è attualmente ricoverato". Le condizioni dell'uomo vengono definite buone ("è attualmente asintomatico" si precisa) sia dal sindaco di Torricella, Michele Schifone, che dal suo medico nonché ex sindaco dello stesso Comune, Giuseppe Turco, che ha pure fornito informazioni sulla prima assistenza prestata all'uomo. L'uomo, di rientro da Codogno, dove era stato dal 19 febbraio in visita ai parenti, è stato prelevato dal fratello all'aeroporto di Brindisi la sera del 24 febbraio e accompagnato a casa. Al suo rientro, ha informato il Comune e lo stesso medico personale di essere stato a Codogno. Turco ha riferito che a Codogno avevano tranquillizzato l'uomo sulla ripartenza per casa invitandolo solo a rispettare la quarantena. Arrivato a Torricella, l'uomo non aveva febbre che è invece comparsa la mattina successiva intorno alle 7. E da lì sono poi scattate le misure precauzionali, ricovero ospedaliero compreso. Adesso verranno eseguiti accertamenti anche sulla famiglia dell'uomo, sulle persone con le quali è venuto in contatto una volta rientrato a Torricella, nonché sui passeggeri che erano con lui sull'aereo. Le scuole di tutta la provincia di Taranto resteranno chiuse da oggi a domenica per consentire le operazioni di sanificazione. 
Chiuse e sanificate le scuole della provincia di Taranto.
Il servizio di Alberto Alfredo Tristano
Caso sospetto all'ospedale di San Severo, negativo

La Asl comunica che il caso sospetto di coronavirus registrato ieri sera al pronto soccorso dell'ospedale di San Severo, è negativo.
L'Asl di Foggia, da ieri sera, sta monitorando un caso sospetto di corona virus di un medico che si è verificato al pronto soccorso dell'ospedale di San Severo. Il paziente e' stato trasferito a Bari dove sono in corso i controlli come prevede il protocollo i cui esiti dovrebbero arrivare in giornata. Tuttavia da ieri sera si lavora per tracciare una mappatura della eventuale catena di contagio. Sono stati effettuati sopralluoghi e sono state raccolte da familiari e parenti tutte le notizie utili a ricostruire contatti e movimenti del paziente. Il trasferimento del paziente a Bari e' avvenuto in sicurezza, a bordo di una ambulanza attrezzata per l'eventuale trasporto di "casi sospetti", con personale munito dei dispositivi di protezione individuale (DPI) nelle disponibilità del 118 e in massima sicurezza. Subito dopo, sono partite le attività di sanificazione dei locali del Pronto Soccorso di San Severo. Conclusa la prima fase, questa mattina, per prudenza, verrà effettuata una ulteriore sanificazione. E' stata avviata, inoltre, la procedura di profilassi per gli operatori che hanno avuto contatti con il paziente. Nel contempo è stata sospesa provvisoriamente l'attività del Pronto Soccorso, ma non i ricoveri che vengono gestiti direttamente dalle Strutture operative di competenza

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca