Puglia
09 Agosto 2020 Aggiornato alle 19:39
Cronaca

Borgo Mezzanone, rissa tra migranti. Tre feriti e baracche in fiamme

Un senegalese, coinvolto negli scontri, è stato portato al pronto soccorso del policlinico Riuniti di Foggia in "codice rosso". La rabbia sfociata nell'incendio di una decina di catapecchie
Credits © TGR Puglia Borgo Mezzanone repertorio
Borgo Mezzanone repertorio
La notte scorsa è scoppiata una rissa tra migranti, nel ghetto di Borgo Mezzanone. Due gambiani ed un senegalese sono rimasti feriti negli scontri, e quest'ultimo è stato portato in "codice rosso" al pronto soccorso del policlinico Riuniti di Foggia,  per i gravi traumi riportati al volto e all'addome. Le Forze dell'Ordine sono intervenute dopo l'allarme lanciato da alcuni migranti quando è scoppiata la rissa, intorno alle 22, tra senegalesi e ganesi da una parte, e gambiani dall'altra; una decina i cittadini extracomunitari coinvolti negli scontri. La polizia riferisce che alcuni di loro hanno appiccato il fuoco ad alcune baracche in "segno di rabbia". Sei le squadre dei vigili del fuoco che hanno lavorato sino alle prime ore dell'alba per spegnere gli incendi e bonificare l'area. I pompieri hanno avuto difficoltà, per i primi interventi, a causa di una violenta sassaiola in corso tra i residenti dell'insediamento abusivo che si trova a pochi chilometri da Foggia. Carabinieri e polizia sono al lavoro per accertare le cause che hanno scatenato la rissa. L'ultimo incendio nel ghetto risale allo scorso 12 giugno quando perse la vita un senegalese di 37 anni. In precedenza altri roghi hanno interessato Borgo Mezzanone, registrando vittime del fuoco.   

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca