Puglia
28 Novembre 2020 Aggiornato alle 08:40
Salute

"Emporio della salute" riutilizzare i farmaci per chi non puo' acquistarli

Ancora validi, non più utilizzati e correttamente conservati i medicinali potranno essere resi alle farmacie cittadine per fini umanitari. Un progetto del Comune di Bari e, tra gli altri, l'Ordine dei farmacisti e Federfarma
Credits © tgrpuglia Farmaci da riutilizzare
Farmaci da riutilizzare
Sottoscritto il protocollo d’intesa tra Comune di Bari, Ordine dei Farmacisti, Federfarma, Banco farmaceutico, Caritas diocesana e associazione di solidarietà sociale “Rogazionisti - Cristo Re onlus” per la realizzazione dell’Emporio della salute, una rete diffusa per la raccolta e la distribuzione di farmaci per fini sociali. L’accordo, della durata di un anno, in fase sperimentale, ha come obiettivo il recupero dei farmaci ancora validi non più utilizzati e correttamente conservati nelle farmacie cittadine o donati da privati a seguito di cambio/fine terapia, decesso del malato o semplice donazione, e il loro riutilizzo per finalità umanitarie e di assistenza sanitaria in favore degli utenti dei servizi sociali e degli enti assistenziali e caritativi in grave situazione di marginalità economico-sociale. Il recupero dei farmaci ancora validi rappresenta infatti uno strumento educativo che, se da una parte insegna ai cittadini a riconoscere il valore etico dei medicinali, dall’altra permette di aiutare coloro che non hanno la possibilità di acquistarli, di far risparmiare il costo dello smaltimento e di ridurre i conseguenti effetti nocivi sull’ambiente. Il progetto coinvolgerà un primo gruppo di farmacie cittadine che aderiscono volontariamente alla sperimentazione - indicate dall’OdF, dalla Federfarma e dalla Fondazione Banco farmaceutico onlus - presso le quali saranno collocati appositi contenitori per la raccolta e sarà visibile il logo “Recupero farmaci ancora validi non scaduti per l’Emporio della salute” insieme a quelli dei partner del progetto. I cittadini che vorranno effettuare una donazione, prima di immettere i medicinali nell’apposito contenitore, riceveranno la collaborazione del farmacista, che effettuerà un primo controllo sui farmaci donati verificando se sussistano i requisiti e le condizioni previste per la donazione.
 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Salute