Puglia
16 Maggio 2021 Aggiornato alle 23:24
Economia & Lavoro

Dopo 56 anni la diga di Occhito ha finalmente il certificato di collaudo

L'apposita commissione ha emesso il certificato di collaudo della diga di Occhito, realizzata fra il 1958 e il 1966 nel Comune di Carlantino nel foggiano, per la raccolta e la regolazione, ai fini irrigui, delle acque del fiume Fortore.
Credits © TGR Puglia Diga di Occhito
Diga di Occhito
Lo scrive in una nota l'Anbi-Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue. Il collaudo venne disposto "durante la costruzione dell'opera nel 1964 e la notevole durata della sperimentazione è stata causata da problemi tecnici, riguardanti inizialmente la funzionalità dello scarico di superficie (danneggiato da eventi di piena) e poi di quello di fondo (interessato da interrimenti) oltre ad un lungo periodo intermedio di controlli strumentali e di scarsi afflussi". Nel frattempo, la diga, "un'opera ingegneristica di vitale importanza per tutta la provincia di Foggia, ha subito alluvioni e terremoti, continuamente monitorata e mantenuta in esercizio. Ora la commissione di collaudo, dopo aver esaminato ogni aspetto, è giunta al convincimento che lo sbarramento 'presenta un comportamento sostanzialmente regolare, non essendo emersi, allo stato, elementi indicativi di anomalie di una qualche rilevanza, capaci di incidere negativamente sulle sue attuali condizioni di sicurezza'.

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Economia & Lavoro