Bari

Pazienti del Policlinico morti per legionella, a giudizio il direttore generale Migliore

Quattro gli imputati a processo. Altrettante le vittime del batterio che si annidava nella rete idrica dell'ospedale. Le analisi lo avevano rilevato ma non sarebbe stato disposto alcun intervento di bonifica.

Pazienti del Policlinico morti per legionella, a giudizio il direttore generale Migliore
rai
Il Policlinico di Bari

Il gup del tribunale di Bari, Anna Perrelli, ha disposto il rinvio a giudizio del direttore generale del Policlinico del capoluogo pugliese, Giovanni Migliore, e di altre tre persone, fra dirigenti ed ex dirigenti dell'azienda ospedaliera universitaria barese, a vario titolo e in concorso fra loro per omissione di atti di ufficio e morte come conseguenza di altro reato, a conclusione delle indagini su quattro pazienti deceduti per un'infezione da legionella, tra il 2018 e il 2020. La prima udienza del processo è stata fissata per l'1 febbraio dell'anno prossimo. Insieme a Giovanni Migliore, alla sbarra di saranno Matilde Carlucci in qualità di ex direttore sanitario del Policlinico, Giuseppe Calabrese dirigente medico, vice direttore sanitario e responsabile della Sanità pubblica dipartimentale e Claudio Forte direttore dell'area tecnica.

Secondo l'accusa non sarebbero stati eseguiti interventi necessari per la bonifica della rete idrica del policlinico, una volta accertata la presenza del batterio legionella. Responsabile civile è l'azienda ospedaliera universitaria consorziale del Policlinico di Bari. Parti civili sono i familiari dei pazienti deceduti.