Torre a Mare (Bari)

Sparatoria a Torre a Mare, muore il nipote del boss Capriati

Diversi bossoli sull'asfalto, l'uomo è morto durante il traporto al Policlinico di Bari

Sparatoria a Torre a Mare, muore il nipote del boss Capriati
Rai
Indagini sul luogo della sparatoria

Diversi colpi d'arma da fuoco sono stati esplosi lunedì sera nel quartiere barese di Torre a Mare, in via Bari. Il ferito è morto durante il trasporto verso il Policlinico. Come si è appreso nel giro di pochi minuti, si tratta di Lello Capriati, nipote del fondatore del clan Capriati di Bari vecchia. 

Lello Capriati era stato scarcerato a fine agosto 2022 dopo la condanna per l'omicidio dell'adolescente Michele Fazio, ucciso il il 12 luglio 2001 da un proiettile durante un inseguimento tra rivali. Il suo ritorno in libertà di Lello Capriati era stato accolto a Bari Vecchia da festeggiamenti, fuochi d'artificio e video sui social.
Secondo l'accusa a sparare per errore al ragazzino fu Leonardo Ungredda (ucciso in un agguato nel 2003). Per il delitto furono condannati anni fa gli altri componenti del commando, Raffaele 'Lello' Capriati (ucciso a Torre a Mare) e Francesco Annoscia, rispettivamente a 17 anni di reclusione e a 15 anni e 8 mesi di reclusione. 

Le indagini sull'agguato di Torre a Mare sono coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari.