Corsa salvezza

Cagliari, quattro finali per restare in Serie A

Dopo la caduta di Marassi, il Cagliari resta padrone del proprio destino ma non può più sbagliare

Cagliari, quattro finali per restare in Serie A
Ansa
Mazzarri sconsolato dopo il gol del Genoa

Il calendario asimmetrico adottato quest’anno dalla Lega di Serie A ha messo il Cagliari di fronte a tre scontri salvezza nelle ultime cinque di campionato. Contro il Genoa la squadra di Mazzarri ha avuto l’occasione di mettersi quasi al riparo da ogni rischio, invece la sconfitta di Marassi rende il finale di stagione incertissimo per quanto riguarda la lotta per non retrocedere. Il Cagliari a quota 28 si mantiene tre punti sopra al Genoa, che però è in vantaggio negli scontri diretti e si appresta ad affrontare un derby che potrebbe trascinare nel baratro anche la Sampdoria quintultima. Tre lunghezze di vantaggio anche sulla Salernitana, che però è rinata sotto la cura Nicola e deve recuperare la gara rinviata contro il Venezia. Quest’ultima è lontana sei punti e sembra la meno accreditata per la volata finale, ma ha dalla sua una gara in meno e lo scontro diretto contro i rossoblù tra le mura amiche del Penzo all’ultima giornata.

A guardare il bicchiere mezzo pieno, resta salvo il concetto che il Cagliari è ancora padrone del proprio destino perché con la classifica attuale sarebbe la prima delle squadre a mantenere la categoria. Per difendere questa posizione, però, i margini sono sempre più ristretti e ogni punto perso o guadagnato potrà fare la differenza.

Oltre che cercare, anzi pretendere, la vittoria in ognuna delle prossime quattro partite, gli uomini di Mazzarri dovranno sperare che da qui al 22 maggio riusciranno a liberarsi una volta per tutte di quel brutto vizio che sembrava svanito: incassare un gol per una disattenzione in un momento della gara in cui il cronometro non consente più di poter recuperare.