Disastro simulato

Ortobene in fiamme, test della protezione civile

L'esercitazione rinviata lo scorso novembre per maltempo è stata effettuata nella mattinata di venerdì

Ortobene in fiamme, test della protezione civile
Prefettura
Riunione centro comunicativo interforze in prefettura

Si è svolta nella mattinata l’esercitazione di protezione civile sul monte Ortobene, rinviata lo scorso novembre a causa delle avverse condizioni meteo. Inizialmente inserita nel programma Bentu Estu 2021 coordinato dall’esercito, l’attività è stata ribattezzata Exe Nu 2022 ed è confluita sotto la supervisione del prefetto di Nuoro Luca Rotondi che ha relazionato su sviluppo ed esito il ministero dell’Interno. 

L’evento catastrofico simulato è un incendio alle porte del capoluogo barbaricino, per il quale nella giornata di ieri era stata diramata un’allerta rossa. Il protocollo ha previsto l’immediata costituzione del Centro operativo comunale e del centro comunicativo interforze in prefettura. All’aggravarsi della situazione - con le fiamme che nello scenario simulato arrivavano a lambire gli edifici- l’incendio veniva dichiarato “di interfaccia” e il coordinamento passava sotto diretta responsabilità del prefetto.

Molti i soggetti istituzionali e le forze dell’ordine intervenuti nella simulazione: dal Comune ai vigili del fuoco dall’esercito alla protezione civile regionale dal Corpo forestale e l’agenzia Forestas alla polizia locale, dall’Arma dei carabinieri alla polizia di Stato alla guardia di finanza. Hanno partecipato in qualità di figuranti anche quaranta studenti dell’Istituto “Ciusa” e del Liceo “Fermi”.

Il ferito nell'incidente viene soccorso per il trasporto in ospedale Prefettura
Il ferito nell'incidente viene soccorso per il trasporto in ospedale