Iniziati i lavori per montare le tribune per il pubblico in via Roma

Sant'Efisio, si torna a prima del Covid

Tremila devoti e gruppi folk sfileranno di nuovo per le strade di Cagliari

Sant'Efisio, si torna a prima del Covid
ANSA
La processione

In via Roma stanno già montando le tribune per il ritorno del pubblico. Una ripartenza, come 366 anni fa dopo la peste da cui - secondo la fede e la tradizione - Sant'Efisio liberò la Sardegna: e ora Cagliari si prepara a festeggiare il santo, e a sciogliere ancora una volta il voto, come prima della pandemia. Dopo due anni senza folla per le restrizioni anti Covid, ieri è caduto l'ultimo ostacolo per il ritorno di fedeli e turisti con il via libera del comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza. Dalla chiesa di Stampace a Nora e poi ritorno dopo tre giorni. Una processione che torna al passato ma nella sobrietà per rispettare quanto vissuto negli ultimi due anni. Il primo maggio, nelle strade di Cagliari saranno 92 le comunità a sfilare in processione in abito tradizionale, quasi tremila i devoti a piedi, a cavallo o sulle tracas. E poi 25 gruppi folkloristici, canti e launeddas. Proprio come prima del 2020. Sperando che le immagini del santo solitario nelle strade deserte siano state solo una parentesi da lasciarsi per sempre alle spalle.

Oggi in comune la presentazione delle iniziative per la 366esima edizione. Cambia intanto la viabilità nel capoluogo per consentire il montaggio e lo smontaggio delle tribune. Da stamattina divieto di transito in via Roma, dal largo Carlo Felice in direzione via Sassari, e riduzione della carreggiata con divieto di sosta su entrambi i lati. Per limitare i disagi alla circolazione, dalla mezzanotte di oggi sarà contemporaneamente istituito il divieto di sosta su ambo i lati in via Crispi. Consigliabile - spiega il comune-  utilizzare la viabilità alternativa passando dal lato porto di via Roma.