La missione salvezza resta comunque difficile

Cagliari, un pareggio che tiene accesa la speranza

A Salerno mister Agostini, al debutto sulla panchina rossoblu, ha confermato il sistema di gioco ereditato da Mazzarri

Cagliari, un pareggio che tiene accesa la speranza
ansa foto
L'esultanza di Giorgio Altare dopo il gol del pari

Questo funerale non s'ha da fare, sembra dire Giorgio Altare, il cui chirurgico colpo di testa, al minuto 99 della corrida di Salerno, spegne le illusioni della Salernitana e regala al Cagliari due settimane di speranza. Serviva una vittoria, ed è arrivato un pareggio, per cui il pendolo della salvezza continua ad oscillare lontano dai rossoblu. Ma sono i modi che contano, e la sceneggiatura scritta nel recupero scuote il morale degli isolani, su cui mister Agostini ha scelto di intervenire con prudenza, mantenendo lo stesso abito tattico dell'era Mazzarri

Pareggio sacrosanto, dopo un primo tempo paralizzato dalla paura e una ripresa accesa dal fallo di Lovato, che provoca il rigore trasformato con potenza da Verdi. I campani accusano le fatiche di tre gare in sei giorni. Il Cagliari risale ma costruisce poco, e l'unica vera occasione è il tiro da lontano di Grassi che si infrange sul palo. 

Poi arriva il finale per cuori forti, il rigore assegnato e poi tolto ai rossoblu, e quello stacco chirurgico che significa sopravvivenza, in attesa di un Mortirolo chiamato Inter.