Settimo San Pietro, carabiniere preso a morsi

Il militare aggredito mentre interveniva per sedare una lite fra un operaio e il datore di lavoro

Settimo San Pietro, carabiniere preso a morsi
Carabinieri
Un'auto dei carabinieri

Due carabinieri del Radiomobile di Quartu Sant'Elena sono stati aggrediti e uno di loro è stato preso a morsi, finendo in ospedale, durante un intervento per sedare una lite fra un operaio e il suo datore di lavoro. L'episodio è avvenuto a Settimo San Pietro. L'aggressore, un trentaseienne di origine nigeriana, è stato arrestato e denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. L'uomo ha colpito uno dei militari con un pugno al volto, e ha morso l'altro a un braccio in modo così violento da strappargli un lembo di pelle di oltre dieci centimetri. Sul caso è intervenuto il Sim, il Sindacato italiano militari carabinieri, per riportare all'attenzione il tema del mancato uso del taser nella compagnia di Quartu: dal segretario generale Antonio Serpi la richiesta alla ministra dell'Interno Luciana Lamorgese di far luce sull'accaduto e accelerare sull'iter di autorizzazione dello strumento a impulsi elettrici.