Il mito di Atlante raccontato da Bob Marongiu

La mostra "Je Mem" alla Mediateca di Cagliari fino al 31 agosto

Il mito di Atlante raccontato da Bob Marongiu
Ansa
Bob Marongiu

Colore, ispirazione, creatività, felicità ma soprattutto un grande omaggio a uno dei più importanti centri culturali della città: è Je Mem, la personale di Bob Marongiu letteralmente nata giorno per giorno nei locali della Mediateca del Mediterraneo di via Mameli a Cagliari e ora visitabile fino al 31 agosto. L'esposizione, promossa dall'assessorato comunale alla Cultura, sport e spettacolo, è stata presentata dallo stesso artista e dall'assessora Maria Dolores Picciau. 

E come sia nato questo richiamo al mito nelle ventisette tele concepite e realizzate e ora in esposizione al primo piano della Mem lo ha spiegato proprio Bob Marongiu: "Mi sono lasciato assorbire dall'atmosfera che si respira in questa bellissima struttura, un luogo di ristoro dove il cervello può trovare ossigeno e ispirazione - ha detto -. La lettura delle biografie di tanti grandi artisti e dell'importanza che hanno dato all'improvvisazione come momento massimo di creatività mi ha spinto a esercitare la mia fantasia sui grandi adesivi circolari rossi che segnalano la presenza delle pareti a vetri, un elemento onnipresente nella Mem. Queste palle sono diventate mondi di colore al centro di ogni tela, retti dagli animali che, anche se gravati dal peso di un mondo come il mitico Atlante, non perdono il sorriso e la voglia di essere felici. Per questo la mostra si chiama Je Mem: un atto d'amore verso la Mediateca ma anche, grazie all'assonanza col francese "je m'aime"