Bambino morto in piscina, oggi l'autopsia

L'esame autoptico all'ospedale di Lanusei per chiarire le cause della morte del piccolo Mattias Poggi di 6 anni

Bambino morto in piscina, oggi l'autopsia
Web
Il luogo della tragedia

Si terrà nel primo pomeriggio all'ospedale di Lanusei l'autopsia sul corpo di Mattias Poggi, il bimbo romano di nemmeno sei anni annegato in una piscina a Cardedu. La procura di Lanusei ha aperto un fascicolo contro ignoti. L'ipotesi di reato è omicidio colposo. L'incidente è avvenuto sabato pomeriggio nel resort Cala Luas, sulla costa di Cardedu, , dove il piccolo stava trascorrendo le vacanze con la famiglia. L'obiettivo è verificare che nella struttura alberghiera siano state rispettate le misure di sicurezza. In base ai primi accertamenti e alle testimonianze raccolte sul posto dai carabinieri di Jerzu, la piscina, di profondità contenuta, non era riservata esclusivamente ai bambini, e veniva monitorata da un bagnino. Dopo l'allarme - dato intorno alle 18 da uno degli amichetti che giocavano con Mattias, i soccorsi sono stati pressochè immediati sia da parte del personale del resort sia di alcuni ospiti della struttura. In poco tempo sono intervenuti anche ambulanze ed elisoccorso, ma tutti i tentativi di rianimare il piccolo sono risultati inutili. Si spera che l'autopsia possa fornire maggiori elementi sulla causa della morte, in particolare accertare se il bimbo sia stato vittima di un malore. In serata il corpo di Mattias potrà essere restituito alla famiglia e trasferito a Roma per i funerali.