In Sardegna nessun rischio di restrizioni, assicura la Regione

Invasi pieni al 78%, 1,4 miliardi di metri cubi d'acqua

In Sardegna nessun rischio di restrizioni, assicura la Regione
ansa
ANSA

La situazione degli invasi in Sardegna si presenta con un livello di "severità idrica bassa" rispetto al preoccupante fenomeno siccitoso che sta interessando il resto della Penisola. La vigilanza resta d'obbligo, ma nessun rischio di restrizioni. 

Dagli ultimi dati forniti dal Sistema di monitoraggio e preallarme della siccità attivato dall'Autorità di bacino, al 30 giugno erano presenti nel sistema degli invasi della Sardegna 1.421 milioni di metri cubi d'acqua, pari a circa il 78% del volume utile di regolazione autorizzato (valori leggermente superiori rispetto a quelli di giugno del 2021). Rispetto a maggio il valore del volume idrico invasato lo scorso mese ha comunque subito una diminuzione, pari a 127 milioni di metri cubi, a causa delle erogazioni al comparto irriguo, cui sono state assegnate via via integrazioni con l'obiettivo di soddisfare la sete delle campagne. 

"La situazione nel suo complesso resta fortunatamente sotto controllo - spiega l'assessore dei Lavori Pubblici, Aldo Salaris - In alcuni sistemi della Sardegna Nord Occidentale (Bidighinzu, Temo, Cuga) si riscontra localmente un livello di severità idrica medio, quindi una condizione che anche se non determina restrizioni rimane da monitorare costantemente e con ancora più attenzione". 

La task forse di monitoraggio sui volumi idrici degli invasi, che coinvolge Regione e Autorità di bacino, proseguirà la sua attività per tutta la stagione estiva in maniera tale da garantire il fabbisogno e predisporre eventuali piani d'emergenza qualora si rendessero necessari, senza intaccare le scorte necessarie a garantire il pieno soddisfacimento dell'uso idropotabile.