Allerta alta

La macchina antincendi in campo per fronteggiare 15 roghi

Secondo il bilancio dell'Ispra, nello scorso anno, il rogo nel Montiferru è stato il più esteso in Italia

La macchina antincendi in campo per fronteggiare 15 roghi
Tgr Sardegna
Incendio in campagna

La macchina antincendi ha dovuto fronteggiare 15 roghi nell'ultima giornata. Il fronte più impegnativo è stato quello dell'Oristanese, dove, oltre alle squadre a terra, sono intervenuti anche gli elicotteri. L'incendio è divampato nelle campagne di Paulilatino, è ha richiesto il supporto deri mezzi aerei provenienti dalle basi di Sorgono e Fenosu.

Nei prossimi giorni nell'isola rimarrà alta l'allerta, a partire da domani. Uomini e mezzi saranno mobilitati per evitare quanto avvenuto nel 2021, quando, come certificano i dati dell'Ispra, la Sardegna è stata la terza regione, dopo Sicilia e Calabria, più colpita per aree forestali bruciate. Gli incendi in totale sono stati solo 40, durante lo scorso anno, ma in un unico episodio, il devastante rogo avvenuto a fine luglio nel Montiferru e in Planargia, è stato colpito dalle fiamme circa il 63% del totale del territorio interessato da incendi della regione. Si è trattato infatti dell'incendio più esteso in tutta Italia in termini di area bruciata, secondo il rapporto dell'Ispra. Il rogo ha coinvolto 10 comuni del Montiferru, provocando ingenti danni economici, sociali e ambientali. Tra i comuni maggiormente interessati da incendi, in termini di superficie colpita, Sennariolo è risultato quello maggiormente devastato, con il 94% della superficie complessiva comunale bruciata.