Coldiretti, dimezzato raccolto di miele in Sardegna

Acqua e cibo per salvare le api stremate da caldo e siccità

Coldiretti, dimezzato raccolto di miele in Sardegna
ansa
ANSA

La siccità ed il troppo e lungo caldo hanno tagliato della metà la produzione di miele in Sardegna con le fioriture estive bruciate dal sole e le api allo stremo costrette ad allungare i voli per trovare un po' di nutrimento. E' quanto emerge dal primo bilancio di Coldiretti sul miele Made in Italy. Una situazione sulla quale hanno pesato in modo particolare le alte temperature e la mancanza di acqua con fioriture anticipate che hanno costretto gli apicoltori a partire prima verso le aree montane e a portare razioni di soccorso negli alveari già nei primi giorni di agosto. In alcuni casi si stanno abbeverando artificialmente le api per non farle morire. Nella mappa della Sardegna ad essere maggiormente penalizzato è stato il sud dell'Isola. Ma oltre alla spallata del clima - sottolinea Coldiretti gli oltre 2200 apicoltori devono fare fronte anche all'esplosione dei costi per le tensioni internazionali generate dalla guerra in Ucraina: dai vasetti di vetro alle etichette, dai cartoni al gasolio.