Covid, Vademecum per le scuole

Il Ministero della Pubblica Istruzione invia agli istituti le linee guida che ricalcano le indicazioni dell'Istituto Superiore della Sanità

Covid, Vademecum per le scuole
Ansa
Piano per la scuola

La premessa è quella di adottare strategie di mitigazione per garantire la frequenza scolastica in presenza e prevedere il minimo impatto delle misure di restrizione sulle attività didattiche. Nel testo inviato dal Ministero della Pubblica Istruzione agli istituti scolastici si precisa che le misure rappresentano uno strumento utile per prevenire il Covid e altre malattie infettive. Il vademecum sintetizza i documenti elaborati dall'Istituto Superiore di Sanità nelle scorse settimane. Ecco alcune precisazioni. 

Se i bambini sono raffreddati possono frequentare in presenza indossando le mascherine chirurgiche/FFP2 avendo cura dell'igiene delle mani. Se invece c'è una sintomatologia compatibile con il covid la permanenza a scuola degli alunni non è consentita. In caso di positività inoltre non è contemplata la modalità delle lezioni in DAD. Come gestire dunque i casi positivi? Occorre fare un distinguo. 

Per i casi sospetti: il personale scolastico o gli studenti che presentano sintomi indicativi di infezione da Sars-CoV-2 vengono ospitati nella stanza dedicata o area di isolamento e nel caso di alunni minorenni, devono essere avvisati i genitori. Il soggetto interessato raggiungerà la propria abitazione e seguirà le indicazioni del medico di medicina generale o pediatra di libera scelta, opportunamente informato. 

Per la gestione dei casi confermati: le persone risultate positive al test diagnostico per SARS-CoV-2 sono sottoposte alla misura dell'isolamento.