Dopo Ben Harper addio a Riola Sardo

Sardegna Concerti si ritira e annuncia: "Gettiamo la spugna".

Dopo Ben Harper addio a Riola Sardo
Ansa
ANSA

Con il concerto di Ben Harper del 9 agosto si è chiusa l'esperienza di Sardegna Concerti al Parco dei Suoni e delle Arti del Mediterraneo di Riola Sardo, nato dal progetto di recupero ambientale attuato oltre 15 anni fa dalla Regione Sardegna. La decisione era maturata già dallo scorso anno, ma è stata rinviata fino alla conclusione dello spettacolo del fuoriclasse americano, per non deludere le aspettative dei 5000 appassionati che attendevano l'evento da più di due anni.

Niente più grandi eventi, quindi, sul palco dell'Oristanese da parte dell'associazione guidata da Massimo Palmas in quella che viene definita una "struttura meravigliosa senza eguali in Europa". La goccia che ha fatto traboccare il vaso sono state le lacune emerse durante il concerto di Ben Harper.  

“Hanno causato disagi in particolare alle persone disabili, in contrasto con la nostra 'policy' che da sempre riserva loro la massima attenzione” - spiega Palmas - "facciamo ammenda, ci scusiamo e assumendoci la responsabilità dobbiamo sottolineare come le carenze organizzative siano conseguenza delle criticità economiche e logistiche che impediscono a questa struttura, di svilupparsi come meriterebbe". 

"A peggiorare la situazione, impedendo di fatto qualunque tentazione di affrontare ulteriori sacrifici, ci ha pensato la Regione che non ha saldato i contributi dello scorso anno e solo pochi giorni fa ha reso noti gli importi per quelli dell'anno in corso. Un ritardo inaudito che ha messo a tappeto chi lavora con lo spettacolo dal vivo già fortemente provato dalla pandemia", ha concluso Palmas.

L’Associazione Rete Sinis Cultura e Turismo, curatrice dal 2017 del cartellone degli spettacoli, ha annunciato la cancellazione di tutti gli eventi già programmati per la stagione in corso, con la sola eccezione dell’evento di chiusura del 1° ottobre 2022, la grande festa di fine estate firmata Bandabardò & Cisco. Il concerto sarà comunque organizzato per tenere fede all’impegno preso coi tanti spettatori che hanno già acquistato il biglietto. 

 In particolare vengono cancellati una ventina circa di spettacoli tra i quali:

- l’intera rassegna internazionale di Teatro Circo, che avrebbe dovuto iniziare venerdì 19 agosto, protagonista la compagnia canadese Les Vitaminès, 

-gli spettacoli con la pluripremiata compagnia “Baccalà”,

 -lo spettacolo “Kairos della compagnia di teatro Circus Maccus, 

-lo spettacolo di teatro ragazzi firmato da Roberto Abbiati,

- le due serate d’onore organizzate per omaggiare i novant'anni del Maestro di launeddas Luigi Lai 

- la produzione “L’arte dei Giganti diretta da Gavino Murgia 

- l’inaugurazione della prima scuola al mondo di scultura nuragica diretta dal Maestro Carmine Piras

- gli spettacoli degli artisti vincitori del Premio Isio Saba 2021,

- gli spettacoli dell’Orchestra Sardica e la presentazione del nuovo disco “Inghirios” del gruppo Le Balentes.